Archivio vittime: 1987

  • Licio Giorgieri

    • 20 marzo 1987

    Il generale Giorgieri percorre con l’auto di servizio via del Fontanile Arenato a Roma per rientrare a casa la sera. Un commando dell’Unione Comunisti Combattenti gli spara cinque colpi, uccidendolo. L’autista Narcelli, militare di leva, rimane illeso. Giorgieri lascia la moglie Giorgia Pellegrini e la figlia Luisa Gioia Giorgieri, deceduta il 13 maggio 1994 per un tumore.
    Il generale aveva subito intorno al 9 o 10 Dicembre 1986 un attentato andato a vuoto nei pressi del luogo dell’effettivo successivo omicidio e da tempo aveva inoltrato richiesta di protezione a mezzo scorta o macchina blindata, ma gli era stata negata.

    “…La vedova, 70 anni, preside di una scuola media della capitale, che andrà il pensione il 1 settembre prossimo, ha rivelato di aver detto ‘no’ pochi mesi fa alla richiesta di grazia per un ex esponente dell’ Unione comunisti combattenti, Francesco Maietta, anche lui condannato, a 28 anni, per l’omicidio del marito, ed attualmente in regime di semilibertà e detenuto nello stesso carcere dove è finito Persichetti. «La memoria di chi è stato ucciso per aver servito lo Stato deve rimanere viva», ha detto la vedova, che quattro anni fa, espresse perplessità nei confronti del senatore Francesco Cossiga che era presente al matrimonio di Maietta con una volontaria impegnata nell’assistenza ai detenuti a Rebibbia.” (da La Nazione del 26 agosto 2002)

    Visualizza la scheda completa
  • Rolando Lanari

    • 14 febbraio 1987

    L’agente Lanari con il suo collega Giuseppe Scravaglieri, scortano un mezzo portavalori delle poste italiane: un’auto si para davanti al camion causando uno scontro. La volante viene crivellata di colpi: i due agenti muoiono ed il brigadiere Pasquale Parente viene gravemente ferito.

    Visualizza la scheda completa
  • Giuseppe Scravaglieri

    • 14 febbraio 1987

    L’agente Scravaglieri con il suo collega Rolando Lanari scortano un mezzo portavalori delle poste italiane: un’auto si para davanti al camion causando uno scontro. La volante viene crivellata di colpi: i due agenti muoiono ed il brigadiere Pasquale Parente viene gravemente ferito.

    Visualizza la scheda completa