Archivio vittime: 1985

  • Ottavio Conte

    • 9 gennaio 1985

    Ottavio Conte è un giovane agente di Polizia in forza ai Nocs, Nuclei Operativi di Sicurezza dell’antiterrorismo. Il 9 gennaio è intento a telefonare in una cabina del lungomare romano, disarmato in quanto fuori servizio, allorché due uomini scendono da un’ Alfetta, lo trascinano fuori dalla cabina e gli esplodono contro sei colpi con due pistole calibro 7,65, quattro dei quali lo colpiscono all’addome, al petto e al viso uccidendolo sul colpo.

    Visualizza la scheda completa
  • Giovanni Di Leonardo

    • 1 maggio 1985

    L’agguato nasce dalla volontà di impossessarsi delle armi degli agenti: i terroristi si fingono in panne in piena notte sull’autostrada Roma L’Aquila nei pressi di Castel Madama. La pattuglia si ferma in aiuto e non appena gli agenti si avvicinano altri terroristi sbucano da un cespuglio e sparano. L’agente Di Leonardo viene ferito gravemente e muore nonostante le cure ricevute in ospedale.

    Visualizza la scheda completa
  • Ezio Tarantelli

    • 27 marzo 1985

    Il professor Tarantelli è ucciso da un commando di terroristi mentre sale sulla sua auto davanti all’Università al termine della sua lezione. Il gruppo lascia la rivendicazione sotto il tergicristalli dell’auto: è a firma delle Brigate Rosse e Tarantelli viene indicato come “uno dei principali responsabili dell’attacco al salario operaio” in quanto consulente CISL ed in riferimento all’accordo tra governo e sindacati sul taglio dei punti di contingenza.

    Sito web della Fondazione Ezio Tarantelli:
    http://www.fondazionetarantelli.it

    Visualizza la scheda completa